La forma della neve definisce il peso del dolore in I segreti di Wind River. Costruito secondo i tratti drammaturgici riconoscibili del thriller ad alta quota, affronta due fondamentali temi: il dolore di una perdita e la vita nelle riserve indiane d’America.

Per il primo, il film anticipa – pur uscendo successivamente nelle sale italiane – Tre manifesti a Ebbing, Missouri. Il vuoto dovuto alla perdita di un figlio, un lutto mai completamente affrontato, il desiderio di verità e vendetta, sono tutti elementi che caratterizzano i personaggi di questa pellicola, rendendola ben più profonda ed emotivamente coinvolgente rispetto alle aspettative. Il dialogo finale tra il poliziotto e l’indiano è esemplificativo.
Per il secondo aspetto, il film descrive senza patos e con chirurgica freddezza, uno dei più grandi fallimenti d’America: la riserva dei nativi americani. “Da un punto di vista più intimo – racconta il regista –  è lo studio di come un uomo supera una tragedia senza mai porvi una vera fine. Da una prospettiva più ampia invece, è un approfondimento sulle conseguenze di com’è vivere in terre dove non si sarebbe mai voluto abitare. È un luogo brutale, dove il paesaggio stesso è un antagonista. È un luogo in cui la tossicodipendenza e gli omicidi uccidono più del cancro, e lo stupro è considerato un rito di passaggio per le ragazze per diventare donne. È un luogo in cui le leggi dello Stato lasciano spazio alle leggi della natura. Nessun posto in Nord America è rimasto così invariato nel secolo scorso e nessun posto in America ha sofferto tanto dei cambiamenti che vi hanno avuto luogo.”

Diretto da un attore alla sua prima regia, e vincitore a Cannes della sezione Un certain regard, il film colpisce per la semplicità di un racconto che emoziona senza puntare a facili patetismi, per una regia capace di guidare il film attraverso sentieri inusuali e sorprendenti, per quel senso di insicurezza e precarietà che pervade dallo schermo in sala creando una spiazzante empatia. Un film che si lascia ricordare a distanza di tempo.

Titolo originaleWind River
RegiaTaylor Sheridan
SceneggiaturaTaylor Sheridan
FotografiaBen Richardson
MontaggioGary D. Roach
ScenografiaNeil Spisak
CostumiKari Perkins
MusicaNick Cave, Warren Ellis
CastJeremy Renner, Elizabeth Olsen, Jon Bernthal, Kelsey Asbille, Julia Jones, Norman Lehnert, Gil Birmingham, Graham Greene, Eric Lange, Hugh Dillon, Tantoo Cardinal
ProduzioneFilm 44, Savvy Media Holdings, Thunder Road Pictures, Voltage Pictures
Anno2017
NazioneGran Bretagna, Canada, USA
GenereThriller
Durata111'
DistribuzioneEagle Pictures
Uscita05 aprile 2018