Siamo nell’Isola di Wight, luogo natale dell’autore Anthony Minghella (Il Paziente Inglese, Il Talento di Mr Ripley), dove una studentessa universitaria ventunenne ha appena fatto ritorno. La ragazza deve portare a termine una gravidanza indesiderata e cerca conforto nelle amiche di sempre. Né la lontana famiglia né ovviamente l’ignoto padre, potranno evitarle di provare un’amara sensazione di solitudine. Nonostante ciò, Caroline (Barbara Ronchi, monoespressiva) può ritenersi fortunata perché trova chi è pronto a farle dono delle proprie esperienze, guidandola nelle scelte più importanti e nel confronto con la madre.

whale-music-3Pur rendendo evidente la preparazione tecnica di tutte le attrici, l’eccessiva scolasticità di intonazioni, pronuncia e dizione, rischiano di far prevalere la monotonia, non suscitando alcuna empatia nello spettatore. Nonostante le attrici siano in grado di immedesimarsi nei vizi e nelle virtù del proprio personaggio, a conti fatti gli unici toni verosimili li troviamo in Kate (Federica Marchettini) e Sheelag (Sonia Barbadoro, madre di Caroline).
Sono passati ventitré anni dalla stesura del testo, eppure la sceneggiatura è quanto mai contemporanea: vengono persino dipinte le interazioni in un microcosmo forse più eterogeneo di quanto attualmente non sia possibile trovare nella società. Ecco allora che nel gruppo di amiche si distingue, oltre che per l’interpretazione anche per la caratterizzazione, il personaggio sicuro e deciso della Marchettini (un’insegnante lesbica impegnata con una studentessa) che diventa la principale spalla della protagonista.

Meritevoli anche le scenografie: rendono vive le immagini di ambienti differenti tra loro (dall’ospedale alla spiaggia, dal salotto al viale percorso in bici) grazie a poche strutture mobili e, soprattutto, alla creatività delle attrici. Si assiste con interesse ai coreografici cambi di scena, durante i quali le silhouette femminili vengono isolate dallo sfondo e messe in risalto dall’accorta illuminazione. In armonia con le musiche, questi semplici movimenti di transizione si tramutano in una danza, svelando allo spettatore una silenziosa grazia che sarebbe stata auspicabile nei momenti di dialogo. [simone salis]

TitoloWhale Music - La Musica delle Balene
AutoreAnthony Minghella
AdattamentoMassimiliano Farau
RegiaMassimiliano Farau
MusicheMarco Schiavoni
SceneFabiana Di Marco
CostumiShizuko Omachi
LuciCamilla Piccioni, Sara Pascale
InterpretiBarbara Ronchi, Federica Marchettini, Gloria Gulino, Antonella Civale, Elisa di Eusanio, Patrizia Ciabatta, Silvia D'Amico, Sonia Barbadoro
ProduzioneAlessandro Lendvai per Suite S.r.l.
Anno2008
Generecommedia