E’ la storia di Antoine; per lui un Natale diverso, il primo senza il padre, venuto a mancare prematuramente. Tra tante richieste di giochi e di regali, Antoine chiede a Babbo Natale un regalo speciale, un sogno, un desiderio, cioè quello poter fare un giro sulla sua slitta, per poter andare a far visita al padre tra le stelle. Ma ecco che cade sul balcone improvvisamente proprio lui, Babbo Natale: in realtà è un giovane ladro trentenne, che per poter pagare i debiti di gioco, ha pensato bene di travestirsi per poter rubare proprio nella Vigilia. All’inizio per il finto Babbo Natale, Antoine è solo un intralcio, ma ben presto la dolcezza, la simpatia e lo spirito d’avventura di quest’ultimo, lo coinvolgerà al punto tale che i due diventeranno una inverosimile coppia di ladri per una notte, a patto che il finto Babbo Natale esaudisca il desiderio di Antoine.

Il film è una tenera cartolina, dove le scenografie e le luci permettono da subito di entrare nell’atmosfera e nello spirito magico del Natale. Alexandre Coffre, il regista, dice di aver attinto da alcuni film a lui cari: E.T., Paper Moon e L’estate di Kikujiro. Questa “favola moderna”(come la definisce il regista) dal sapore anglosassone e dalla coppia all’Americana ci commuove e ci diverte.

Due personaggi in cerca: uno, Antoine, di colmare il vuoto e dare un’identità al suo lutto e l’altro il ladro 30enne all’inizio dal carattere infantile, che man mano abbandona la maschera di Babbo Natale per diventare a tratti paterno. Antoine è interpretato da uno straordinario, spontaneo e genuino Victor Cabal, grazie alla coach Amour Rawyler che lo ha affiancato per tutta la rispresa del film, non ha mai perso la spontaneità e la freschezza dei suoi 7 anni. Non da meno Tahar Rahim, che ha avuto la possibilità di lavorare sul suo personaggio, adattandolo a sé, per la prima volta in un ruolo più brillante, con il suo finto Babbo Natale che commuove e fa riflettere: nella vita l’adulto bambino perde la dimensione infantile per diventare finalmente un uomo responsabile.

Il regista Alexandre Coffre si è avvalso del supporto dello psichiatra infantile Oliver Tarragano, che ha sostenuto questa storia di questi due inizi, due modi diversi di aiutarsi per crescere in un momento magico come è il Natale. Ricco d’azione ed acrobazie da lasciar a bocca aperta, sui tetti di una Parigi notturna da togliere il fiato.

Film per tutti. Coinvolgente.

Titolo originaleLe père Noël
RegiaAlexandre Coffre
SceneggiaturaAlexandre Coffre, Rachel Palmieri, Fabrice Carazo e Laurent Zeitoun
FotografiaPierre Cottereau
MontaggioHervé de Luze
ScenografiaGwendal Bescond (A.D.C.)
CostumiVirginie Montel
MusicaKlaus Badelt
CastTahar Rahim, Victor Cabal, Annelise Hesme, Michaël Abiteboul, Philippe Rebbot, Amélie Glenn
ProduzioneQuad, Atitlan, M6 Films, Mars Films, Kinology, Le Compagnie Cinematographique, Penache Productions, RTBF (televisione belga), Proximus
Anno2014
NazioneFrancia
GenereCommedia
Durata81'
DistribuzioneM2 Pictures
Uscita04 dicembre 2014