In una New York frenetica e scintillante, la piccola Maisie si ritrova contesa nella causa di divorzio tra una madre rockstar, Susanna, affettuosa ma distratta, e un padre mercante d’arte, Beale, sempre in viaggio d’affari. Quando Beale sposa Margo, la giovane tata di Maisie, il tribunale decide di affidargli la bambina e Susanna per vendetta si prende per marito un barman altrettanto giovane, Lincoln. Entrambe le nuove famiglie funzionano poco e Maisie sembra trovarsi bene solo insieme a Margo e Lincoln, gli unici davvero capaci di darle tenerezza e attenzione. Le cose si complicano quando tra i due nasce l’amore…
Adattamento contemporaneo del celebre romanzo di Henry James, Quel che sapeva Maisie è una commedia agrodolce che colpisce al cuore, con una galleria di personaggi memorabili nella migliore tradizione del cinema indipendente newyorkese. Oltre a Julianne Moore (appena reduce dal trionfo al Festival di Cannes) e Steve Coogan (Philomena), spiccano nel cast la giovane promessa Alexander Skarsgård (True Blood) e la straordinaria esordiente Onata Aprile nei panni di Maisie.quel-che-sapeva-maisie-post
L’idea di adattare ai nostri giorni il romanzo di Henry James è venuta allo sceneggiatore Carroll Cartwright. L’esperienza traumatica della separazione dei genitori, più rara ai tempi dello scrittore edoardiano, è ora divenuta bagaglio comune di una intera generazione di bambini, con il relativo fardello di menzogne, accuse, assenze e giustificazioni dei genitori; l’affido condiviso, apparente panacea di molti mali, si rivela spesso essere una condizione di abbandono totale, in cui ciascun genitore scarica sull’altro le proprie manchevolezze e immaturità. A ciò si aggiungono le imprevedibili evoluzioni delle situazioni sentimentali ( se pure afferiscono a questa sfera le nuove esperienze dei genitori separati…), con nuove storie che vengono a scompigliare la già instabile situazione emotiva dei minori coinvolti.
Tutto ciò è stato efficacemente rappresentato nel film; attingendo anche a proprie personali esperienze, gli sceneggiatori hanno intrecciato sapientemente litigi, falsità, presenze (poche e distratte), assenze (molte e prolungate) dei due genitori in rotta, affiancando i due genitori di rincalzo in un crescendo di impegno e coinvolgimento emotivo nei riguardi della bimba.
>Maisie sperimenta un progressivo, ineluttabile distacco di chi ella continua a percepire come i suoi genitori, pur sperimentandone i continui allontanamenti e tradimenti; il crescente avvicinamento dei due genitori subentranti, con tutte le loro debolezze (di status, economico, giuridico, ma non emotivo e psicologico) costituisce vieppiù un approdo per la piccola Maisie, che attraversa questo sofferto travaglio con apparente distacco e forza d’animo. Solo una lacrima svelerà, nel momento più buio, la sua natura di creatura sofferente, ma pronta e decisa ad ottenere una vita migliore.
La scelta di regia è quella di narrare questo complesso interagire di fragili adulti attraverso l’interazione con la bimba, capace, nella sua affettuosa innocenza, di mettere a nudo il mondo dei forti attraverso la sua debolezza e il suo bisogno. Onata Aprile interpreta il suo ruolo con straordinaria efficacia e compostezza, senza cedimenti nel sentimentale o nel lezioso; appropriate anche le interpretazioni di Alexander Skarsgård nel ruolo del giovane “toy boy” che rivela una insospettabile sensibilità, e di Julianne Moore, stressata, isterica, con slanci di affetto e fughe improvvise, fisiche e verbali, ma mai sopra le righe.

Titolo italianoQuel che sapeva Maisie
Titolo originaleWhat Maisie Knew
RegiaScott McGehee, David Siegel
SceneggiaturaNancy Doyne, Carroll Cartwright
FotografiaGiles Nuttgens
MontaggioMadeleine Gavin
ScenografiaKelly McGehee
CostumiStacey Battat
MusicaNick Urata
CastJulianne Moore, Alexander Skarsgård, Onata Aprile, Joanna Vanderham, Steve Coogan
ProduzioneRed Crown Productions, Weinstock Productions, 10th Hole Productions
Anno2014
NazioneUSA
GenereAnimazione
Durata95'
DistribuzioneTeodora Film
Uscita26 giugno 2014