Pronti o no Melancholia arriva. Melancholia è un pianeta, nascosto e minaccioso che ha deciso di far visita alla terra. Sarà fine del mondo, Von Trier si premura di dircelo fin dall’inizio.
Torniamo indietro ed ecco Justine (Kirsten Dunst), novella sposa che si reca al ricevimento. Felice lo sembra, fino a quando non ci mette lo zampino la madre disfattista e un datore di lavoro stronzo assai. Le inquietudini e insicurezze di Justine emergono spietate. La sua incapacità di gestire le convenzioni sociali la travolgerà assieme al tentativo di normalizzare la sua vita con le nozze.
Finirà con uno sposo affranto che abbandona il ricevimento.

melancholia-locSalto in avanti. Seconda parte.
Claire è la sorella di Justine. È sposata con un ricco proprietario (alberghi di lusso, roba così). Sicura e professionale, scopre il turbamento nell’arrivo di Melancholia. Chi crede troppo alle convenzioni è nudo di fronte alla morte e all’oblio, perchè solo allora ogni convenzione si mostra in tutta la sua spietata vaghezza.
La fine del mondo imminente dona nuova forza alla depressa Justine almeno quanto ne toglie a Claire.
E’ la forza di gravità che si inverte.
Quanto è pagano Lars Von Trier.

Ma è bello Melancholia?
A me è piaciuto, per quanto didascalico, per quanto puzzi di compitino ben fatto. Non è il suo film più bello. Le vette di Von Trier stanno altrove, prima. Decidete voi quali.
Perchè il tema non è poi così originale. Natura e cultura litigano dai tempi di Prometeo e ultimamente è un ring che va forte sul grande schermo.

L’avete visto Monsters? L’avete visto L’alba del pianeta delle scimmie?
Vince sempre la natura, diamine, sempre lei.
Mica male come cosa. E’ un cambio di paradigma.
La natura torna ad essere la cazzutissima ammazza islandesi e la pianta di essere dipinta come la povera fanciulla indifesa che piace a Greenpeace.
Che poi mica son contro Greenpeace. Domani per scusarmi vado a fare una donazione. Se non piove come stamattina, certo.
Diciamo che, Lars Von Trier non sarà originale nei temi ma lo è nella forma. Che a me, il pianeta sfasciatutto piace molto di più dei mostroni tentacolati o delle scimmie dopate. Son gusti, ovvio.
Alcuni preferiscono le scimmie dopate. [davide luppi]

Titolo originaleid.
RegiaLars Von Trier
SceneggiaturaLars von Trier
FotografiaManuel Alberto Claro
MontaggioMorten Højbjerg, Molly Marlene, Stensgaard
ScenografiaJette Lehmann
CostumiManon Rasmussen
CastKirsten Dunst, Charlotte Gainsbourg, Kiefer Sutherland, Charlotte Rampling, John Hurt, Alexander Skarsgård, Stellan Skarsgård, Brady Corbet, Udo Kier
ProduzioneZentropa Entertainments, Memfis Film, Slot Machine, Liberator Productions, Zentropa International Köln
Anno2011
NazioneDanimarca, Svezia, Germania
GenereDrammatico
Durata136'
DistribuzioneBiM Distribuzione
Uscita21 ottobre 2011