Premessa: raccontare per immagini la vita di personaggi famosi e maledetti, miti antichi e moderni, fa sì che le possibilità di colpire e appassionare gli spettatori siano maggiori. Raccontare vite vissute ed episodi più o meno tragici realmente accaduti è un modo per preservarsi probabilmente da insuccessi di pubblico. Quando la pellicola scalfisce i pensieri emotivi diventa più difficile soffermarsi su critiche costruttive.

la-vie-en-rose-locLa vie en rose è la biografia di Edith Giovanna Gassion, La môme Piaf. Una delle più belle voci del Novecento, quella della francese Edith Piaf, al tempo stesso dea e puttana, nata nella povera Belleville e cresciuta nei bordelli e nei circhi, con madre (livornese) cantante di strada e padre saltimbanco, è maturata musicalmente prima in strada dove i soldi bastavano appena per il vino nelle osterie e poi nei cabaret di quart’ordine, fino al trionfo e la morte prematura. La pellicola racconta vizi, virtù, gioie, dolori, fortune, amori e debolezze di una vita forse troppo breve ma sicuramente colma di intensità. La regia, indolore, è affidata al talentuoso regista di film commerciali Olivier Dahan (I fiumi di porpora 2).

Partendo dall’ottima ricostruzione storica, e utilizzando un soggetto di per sé forte, il regista trova il giusto equilibrio tra kolossal americano e cinema francese d’autore mettendo in scena la vita della grande interprete senza farne un monumento ma mettendo in mostra i lati più oscuri. Il regista ci mette davanti tre piani narrativi: la vita di Edith dalla nascita, gli ultimi giorni di malattia e un terzo livello altalenante tra i vari momenti della sua affermazione artistica. Questo continuo sbattimento fra un’età e l’altra non è dispersivo, anzi rafforza il pathos grazie a scene che si assomigliano, ci interrogano e ci svelano il lato umano della star che ha fatto impazzire l’America. Breve parte per Gérard Depardieu, indimenticabile la prova di Marion Cotillard, in tutto e per tutto reale nella sua parte: la postura ingobbita, gli occhioni dolci, la grinta, la passione e sei ore di trucco quotidiano insaccandole la testa e deformandole le mani. Bravissima inoltre nel playback (le registrazioni sono originali, pagate assai care). “Non, je ne regrette rien”, ci comunica il piccolo passerotto per l’epilogo. Difficile darle torto. Applausi. [simone pacini]

Titolo italianoid.
Titolo originaleLa môme
RegiaOlivier Dahan
SceneggiaturaOlivier Dahan
FotografiaTetsuo Nagata
MontaggioYves Beloniak, Sophie Delecourt, Richard Marizy
ScenografiaOlivier Raoux
CostumiMarit Allen
MusicaChristopher Gunning
CastMarion Cotillard, Sylvie Testud, Clotilde Courau, Jean-Paul Rouve, Pascal Greggory, Emmanuelle Seigner, Catherine Allegret, Gérard Depardieu
ProduzioneAlain Goldman
Anno2006
NazioneFrancia
GenereDrammatico
Durata140'
DistribuzioneMikado
Uscita04 maggio 2007