Esterno: corre veloce il treno sulle fredde e gelide rotaie; scende copiosa la neve tra le montagne del centro Europa.
Interno: scorre il sangue di un ricco ed ambiguo uomo d’affari, un mercante d’arte malavitoso e dal passato equivoco, trafitto nel suo letto da dodici coltellate; montano le bugie, i sotterfugi per nascondere la verità al detective Poirot da parte dei passeggeri che per il solo fatto di condividere la medesima carrozza del famoso Oriente Express, sono ritenuti tutti, nessuno escluso, SOSPETTATI!

assassinio-orient-express-2Pubblicato nel 1934, il giallo di Agatha Christe Assassinio sull’Oriente Express, è insieme a Dieci piccoli indiani, il romanzo più noto, ingegnoso e letto della giallista inglese.
Generazione dopo generazione, i lettori restano avvinti dal mistero dell’omicidio, dalla storia e dal personaggio di Hercule Poirot. Il fascino dell’Orient Express viene esaltato nell’opera della Christie e i viaggiatori continuano ad affluire numerosi per scoprire i servizi che ancora oggi vengono offerti nelle prestigiose carrozze ferroviarie. La stanza 411 del Pera Palace Hotel a Istanbul, dove si dice che la Christie abbia scritto il romanzo, è anch’essa una nota meta turistica. Vi sono società e club in tutto il mondo dediti alla riscoperta dei misteri di Agatha Christie, specialmente quelli che hanno per protagonista Hercule Poirot.

assassinio-orient-express-1La prima trasposizione cinematografica del romanzo risale al 1974 grazie ad Sidney Lumet con un cast stellare comprendente Albert Finney, Sean Connery, Lauren Bacall e Ingrid Bergman. Questa che la 20th Century Fox presenta come film natalizio 2017 è la quarta trasposizione affidandone la regia all’inglese Kenneth Branagh nel triplice ruolo di Regista, Protagonista e Produttore (tra cui figura anche Ridley Scott) forse per dare al film quel ‘British Touch’ che storia, ambiente, personaggi richiederebbero.

Purtroppo la riuscita risulta al di sotto delle aspettative. Tralasciamo le modifiche ai personaggi che lo sceneggiatore Michael Green (autore dell’ottimo Logan – The Wolverine e del molto meno riuscito Blade Runner:2049) ha apportato per esigenza di realizzazione (il film deve essere sempre valutato come opera a se e diversa rispetto la sua origine letteraria per poterlo al meglio giudicare), ma la scelta di un cast “americano” di All-Star (Michelle Pfeiffer, Willem Dafoe, Johnny Depp) a cui si aggiunge la spagnola Penelope Cruz e gli inglesi Derek Jacobi e Judy Dench in parti secondarie, non brilla ed illumina la scena come ci si sarebbe aspettato; l’ambientazione Anni Trenta ricostruiti in digital graphic e gli interni del treno stesso risulta assassinio-orient-express-3fredda ed anonima; la stessa regia di Branagh (la cui scelta si riteneva idonea ricordando un suo film del passato come L’altro delitto del 1991) risulta priva di guizzi ed invenzioni visive atte ad esaltare il cima di sospetto e perché no di claustrofobia che un ambiente così limitato avrebbe potuto suggerire.

Una costruzione “pedagogica” dei caratteri identificativi dei personaggi finalizzata ad allargare la visione anche ad un pubblico “estraneo” al mondo della Christie, rende questo Assassinio sull’Oriente Express un film “tutt’altro che ricordabile”, adatto ad una veloce e rapido consumo tra una busta di pop-corn e una bicchierone di Coca-Cola annacquata in Iceberg di ghiaccio.

Titolo originaleMurder on the Orient Express
RegiaKenneth Branagh
SceneggiaturaMichael Green
FotografiaHaris Zambarloukos
MontaggioMick Audsley
ScenografiaJim Clay
CostumiAlexandra Byrne
MusicaPatrick Doyle
CastTom Bateman, Lucy Boynton, Kenneth Branagh, Olivia Colman, Penélope Cruz, Willem Dafoe, Johnny Depp, Judi Dench, Josh Gad, Manuel Garcia-Rulfo, Derek Jacobi, Marwan Kenzari, Leslie Odom Jr., Michelle Pfeiffer, Sergei Polunin, Daisy Ridley
Produzione20th Century Fox, Scott Free Productions, Genre Films
Anno2017
NazioneUSA
GenereGiallo
Durata114'
Distribuzione20th Century Fox
Uscita30 novembre 2017