La locandina

La locandina

Il primo vampire western iraniano. Già queste informazioni essenziali dovrebbero invogliare ad andare a vedere “A Girl Walks Home Alone at Night”, la pellicola diretta da Ana Lily Amirpour presentata al Sundance Film Festival e che finalmente esce nelle sale italiane. Se poi a questo si aggiunge che la storia è ricca di musica, tensione, atmosfere pulp ed è girata in bianco e nero, la curiosità potrebbe trasformarsi in un biglietto acquistato.

Siamo a Bad City, città dove convivono la prostituta (Mozhan Marnò), la ragazza vampiro (la catalizzatrice di attenzione Sheila Vand) che gira vestita con chador e maglietta a righe, lo spacciatore tatuato (Dominic Rains, inquietante e credibile), il bambino (Milad Eghbali) con lo skate, la ragazza ricca (Rome Shadanloo), il ragazzo (Arash Marandi) che ha comprato una decapottabile anni Cinquanta, conquistata con 2191 giorni di lavoro, che e vive con il vecchio padre (Marshall Manesh) che si buca. Quando il ragazzo e la vampira si incontrano, scoppia la scintilla che li porterà a rivoluzionare la loro vita.

Una scena di "A Girl Walks Alone at Night"

Una scena di “A Girl Walks Alone at Night”

Nulla è lasciato al caso, tutto parte da uno studio attento: dalla storia, agli interpreti fino alle ambientazioni. A precisare le caratteristiche della pellicola è la regista Amirpour: «Volevo realizzare un film iraniano, ma il problema era come? Non potendo girare in Iran, la soluzione è diventata l’idea del film. I personaggi sono ispirati alle icone che ho amato dagli anni 50 agli anni 90 come James Dean, Sophia Loren e il Vampiro». La scelta del black and white è usata per rendere la vicenda «senza tempo: per completare l’epicità e l’atmosfera surreale della storia, ho girato in bianco e nero anamorfico e l’ho realizzato come se fosse una graphic novel». A dominare sulle immagini lente e su stretti ed intensi primi piani c’è la musica, anch’essa scelta con metodo e riflessione. «Sono stata cantante e il basso di una banda rock per molti anni ed ora adoro DJ’ing, per cui è scontato che la musica sia una parte fondamentale del film. La colonna sonora è parte della creazione del film, come la scrittura. Ogni canzone è stata scelta con molto anticipo. Il potere della musica è qualcosa di magico che trasporta un momento in altre direzioni».

“A Girl Walks Home Alone at Night” è un film da apprezzare, godere e scoprire. Un misto di Jim Jarmusch, David Linch e Robert Rodríguez, condito da atmosfere iraniane. E se si volesse prolungare il piacere della visione, la regista ha scritto anche la graphic novel Death is the Answer, incentrata sulle origini del vampiro: «Il film è solo un frammento della lunga esistenza dei vampiri».

Titolo italianoA Girl Walks Home Alone at Night
Titolo originaleid
RegiaAna Lily Amirpour
SceneggiaturaAna Lily Amirpour
FotografiaLyle Vincent
Montaggio Alex O'Flinn
ScenografiaSam Kramer
Costumi Natalie O'Brien
MusicaJohnny Jewel
CastSheila Vand, Arash Marandi, Marshall Manesh, Mozhan Marnò, Dominic Rains, Rome Shadanloo, Milad Eghbali, Reza Sixo Safai, Pej Vahdat, Ray Haratian
Anno2014
NazioneUsa, Iran
GenereHorror
Durata99'
DistribuzioneAcademy Two
Uscita30 giugno 2016